No vivisezione!

23 09 2010





Vivisezione: no a sperimentazione animale come prassi medico-scientifica

23 09 2010

”Puntare su metodologie e tecnologie alternative di ricerca”

Roma, 21 settembre – No alla sperimentazione animale come prassi medico-scientifica, sì a metodologie e tecnologie alternative di ricerca come sistemi molecolari, test clinici epidemiologici e in vitro, simulazioni al computer e chip genetici. A sostenerlo è CasaPound Italia che si schiera contro la direttiva sulla vivisezione approvata l’8 settembre scorso dal Parlamento Europeo.

”Anzitutto – spiega Cpi – è necessario premettere che la nuova norma, seppur presentata come uno strumento teso alla riduzione e limitazione degli esperimenti sugli animali, permetterà, invece, di aggirare i limiti posti dalle precedenti normative. Uno degli effetti immediati è il peggioramento delle condizioni degli animali cosiddetti ‘da laboratorio’: sarà così possibile utilizzare più volte lo stesso animale anche in procedure che causano intenso dolore, sofferenza e angoscia; sperimentare su cani e gatti nonché su animali selvatici, anche in via d’estinzione; eseguire toracotomie ed altre operazioni senza anestesia o analgesici; costringere animali a test di stress psicologico e fisico come isolamento e nuoto forzato; effettuare interventi invasivi a scopi didattici. La nuova normativa negherà, inoltre, qualsiasi possibilità di sviluppo e sostegno alla ricerca e sperimentazione alternativa, limitando anche tutte quelle metodologie già esistenti e di comprovata efficacia”.

”La ricerca – sottolinea Cpi – non è uno strumento di mero profitto, ad esclusivo appannaggio delle oligarchie accademiche e dell’industria farmaceutica, cosmetica e petrolchimica. CasaPound Italia sostiene un antivivisezionismo di tipo scientifico. La medicina deve essere realmente tesa alla salute e al benessere dell’uomo, nel rispetto della dignità di ogni essere vivente. In questa direzione, è giusto promuovere tutte quelle metodologie e tecnologie alternative di ricerca come sistemi molecolari, test clinici epidemiologici e in vitro, simulazioni al computer e chip genetici. CasaPound Italia presenterà, nel corso dei prossimi mesi, una serie di iniziative sul territorio volte alla sensibilizzazione e all’informazione sull’argomento”.

http://www.casapounditalia.org

casapoundlucca@yahoo.it
http://www.epsilonlucca.wordpress.com