Foto azione compro-oro

14 03 2013

2

 

4

 

8





Compro-oro: CasaPound Italia lascia ‘sacchi dei ricordi’ davanti ai negozi.

14 03 2013

“Una nuova forma di usura e riciclaggio, la legge va cambiata”

Lucca, 13 marzo – Locandine di denuncia e ‘sacchi dei ricordi’ con su scritto “2 Matrimoni”, “3 Battesimi”, “4 Comunioni”. Gli attivisti di CasaPound Italia li hanno lasciati nella notte davanti ai compro-oro di Lucca e altre città toscane per denunciare cosa si nasconde dietro questo genere di negozi.

“Quello dei Compro-oro – spiega CasaPound Italia Lucca – è un fenomeno in forte crescita che, alimentato dalla crisi, in molti casi si è trasformato in un nuovo monte dei pegni, dove la gente cancella i propri ricordi per un manciata di euro.
Inoltre – prosegue la nota – i dati evidenziano come questa enorme mole di soldi sia diventata negli anni un business appetibile per le mafie e non solo, avendo un rischio d’impresa quasi nullo e una legislazione lacunosa su tutta la filiera. Secondo statistiche recenti dei circa 30mila punti vendita aperti in Italia solo meno di 350 risultano registrati alla Banca d’Italia e circa il 14% dei Compro-oro produce azioni illegali, spesso diventando una ‘lavanderia’ per denaro sporco”.

“Con questa azione – conclude CasaPound Italia – vogliamo chiedere con forza una regolamentazione più stringente (istituzione di un apposito albo al quale tutti i negozi devono essere registrati, obbligo di tracciabilità degli oggetti venduti e applicazione delle norme anti-riciclaggio) per un settore in cui non tutto ciò che è oro luccica”.





Compro oro? Riciclaggio e Usura

14 03 2013

casapound_compro oro