Soldi al campo nomadi, interviene CasaPound: il Comune sta superando il limite.

18 12 2013

Lucca, 18 dicembre – CasaPound Italia torna ad intervenire sulla questione dei finanziamenti al campo nomadi, dopo la decisione del vice-sindaco Vietina di dirottare i 25.000 euro regionali destinati alle “Case della salute” proprio al campo di via delle Tagliate, con il consenso della conferenza dei sindaci.

“Dopo i 70.000 euro spesi per la sistemazione del campo nomadi di via delle Tagliate e la vicenda dei finanziamenti europei da destinare alla costruzione delle case in legno per lo stesso campo – dichiara CasaPound Italia in una nota – pensavamo che il Comune avesse toccato il fondo. Siamo invece costretti a constatare come questa amministrazione continui, senza pudore né ritegno, a perseguire una politica al limite del discriminatorio nei confronti dei cittadini lucchesi. Destinare ancora 25.000 ai nomadi, peraltro destinati inizialmente alle c.d. “Case della Salute”, lo riteniamo inaccettabile.”

“In un periodo di forte crisi come quello attuale – prosegue la nota – con sempre più famiglie italiane in stato di povertà, riteniamo assurdo ed anche offensivo il protrarsi di certe politiche dirette esclusivamente a favore delle minoranze; in particolar modo nei confronti dei nomadi, verso i quali alcuni esponenti della giunta pare abbiano una vera e propria ossessione. Un’ossessione inconcepibile per ogni persona di buon senso e per tutti quei lucchesi in difficoltà.”

“Abbiamo portato in piazza quasi cento persone lo scorso 30 novembre in piazza San Frediano – conclude l’associazione – proprio per protestare contro queste politiche anti-lucchesi. Visto che la giunta continua a non voler dare priorità ai lucchesi, CasaPound Italia tornerà tra la gente sabato prossimo, allestendo un gazebo in via Beccheria dalle 16 alle 19, per chiedere all’amministrazione Tambellini di spostare finalmente l’attenzione del proprio operato verso i suoi cittadini.”

Annunci




Alcuni italiani non si arrendono!

14 12 2013

marca





Finanziamenti al campo nomadi: CasaPound porta in piazza la protesta.

1 12 2013

Lucca, 01 dicembre – Circa settanta persone hanno preso parte ieri al presidio di CasaPound Italia in piazza San Frediano. Un’iniziativa per dire no ai finanziamenti al campo nomadi e alla realizzazione della case in legno in via delle tagliate, per contestare le politiche dell’amministrazione Tambellini e per chiedere priorità per i lucchesi.

“CasaPound Italia è l’unica formazione politica che ha avuto la forza di scendere in piazza –dichiara Fabio Barsanti, responsabile dell’associazione – per contestare le assurde politiche di questa giunta. Il presidio di ieri è stato un atto doveroso, che ha visto la partecipazione di molti cittadini e che ha incontrato un continuo consenso da parte dei passanti. I lucchesi che ritengono scandalose le scelte delle giunta Tambellini sono la stragrande maggioranza e l’approvazione che ha incontrato la nostra manifestazione ne è la conferma.”

“Se ciò che è stato detto circa i finanziamenti per la costruzione delle case in legno al campo di via delle Tagliate verrà confermato e portato avanti dall’amministrazione comunale – prosegue Barsanti – noi siamo pronti a dare battaglia in modo incessante. Faremo tutto ciò che sarà nelle nostre possibilità per scongiurare un’assurdità del genere e, già a partire dal prossimo fine settimana e per circa due mesi, saremo presenti sul territorio comunale con i nostri gazebo per ascoltare i problemi dei cittadini e per dare sostegno a chi ritiene che il Comune stia pensando a tutti tranne che a noi, abitanti e lavoratori di Lucca”.