Ilva: CasaPound, nazionalizzare e bonificare a spese dei Riva

30 11 2012

Roma, 30 novembre – ‘’L’Ilva va nazionalizzata, bonificata a spese della famiglia Riva e riportata man mano alla completa efficienza su basi di sostenibilità ambientale. Il tutto senza interrompere la continuità produttiva che per un’azienda come quella di Taranto significherebbe morte certa’’. Lo afferma in una nota il vicepresidente di CasaPound Italia, Simone Di Stefano, sottolineando che, se ’’la chiusura tout court dello stabilimento comporterebbe una inaccettabile perdita di posti di lavoro, 20mila in tutta Italia, e l’uscita definitiva del paese dalla siderurgia, affidare il risanamento ambientale all’attuale proprietà si è già dimostrata una scelta fallimentare e non può in alcun modo essere replicata. Allo Stato – aggiunge Di Stefano – non resta dunque che rientrare in possesso dello stabilimento e assumere il diretto controllo del risanamento. E se le casse dei Riva sono già state svuotate, poco male: a inseguire i capitali all’estero ci penserà la magistratura, ma l’opera di bonifica si può certamente autofinanziare con la produzione della seconda azienda siderurgica d’Europa, una volta che la si è confiscata’’.

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: