Varchi telematici

29 01 2011

Anche CasaPound Italia è favorevole a rivedere le modalità di funzionamento dei varchi telematici: “crediamo che l’attivazione 24 ore su 24 non possa che avere effetti negativi, creando uno sbarramento all’ingresso anche nelle ore notturne che, da un lato, consolida il declino di Lucca in città-dormitorio e, dall’altro, espone i residenti e i fruitori in genere del centro storico al rischio di percorrere a piedi una città deserta la notte.

Una soluzione percorribile – continuano i responsabili di CasaPound Italia – è quella di ridurre l’orario di attivazione alla fascia diurna e serale, lasciando almeno quella notturna, dopo le 24, non sottoposta al controllo delle telecamere: un compromesso, questo, che riteniamo possa non scontentare nessuno. Perché solo una città viva è una città sicura”.

“Siamo favorevoli anche ad una maggiore tolleranza nei confronti dei residenti – prosegue CasaPound Italia – circa la sosta nel centro storico fuori dagli stalli, senza intralcio della circolazione, come del resto consentirebbe il Codice della Strada”.

“A questo punto – conclude la nota – riteniamo che il Comune, dopo le spese fatte per l’installazione dei varchi, debba sì accelerare la loro attivazione, ma valutando nel più breve possibile eventuali modifiche da fare. L’obbiettivo deve essere sempre quello di un disegno complessivo che concili gli interessi di tutta la cittadinanza, e non soddisfare volta per volta gli appetiti particolari delle singole categorie: in questo caso, quella dei comitati dei residenti”.





Zone di guerra

29 01 2011





Dalla vivisezione ai circhi, il gruppo ambientalista di Cpi in campo contro la mercificazione degli animali

24 01 2011

Roma, 24 gennaio – No alla vivisezione e ai circhi che sfruttano gli animali. No all’industria della carne e al giro d’affari costruito sul randagismo. No alle città per androidi, alla cementificazione delle coste, all’allontanamento dell’uomo dalla natura. Sono questi i punti qualificanti dell’azione della Foresta che avanza, il gruppo ambientalista di CasaPound Italia (www.laforestacheavanza.org) che prende vita ufficialmente oggi dopo aver messo a segno nei mesi scorsi una serie di ‘blitz’ in tutta Italia.

‘’La Foresta che avanza – spiega il coordinatore nazionale del gruppo Alberto Mereu – si batte per un ‘regime della natura’ che passa da una serie di punti fermi, alcuni dei quali rimessi alla concreta azione di tutti noi nella vita quotidiana, altri sui quali lotteremo con intransigenza per avere risposte dallo Stato e dagli enti locali. Da un lato dunque ci impegniamo in un’attività di informazione che porti avanti principi come la riduzione della carne nella dieta e il ritorno a un tipo di alimentazione consono alla nostra cultura mediterranea; l’acquisto di prodotti ‘cruelty free’ e il boicottaggio di prodotti cosmetici che invece per la loro realizzazione creano sofferenze animali; l’abbandono di ogni concezione mercificata che consideri l’animale non più essere vivente ma elemento ultimo di una vera e propria catena di montaggio, condannandolo a una vita di stenti e sofferenze. Dall’altro, e a cominciare da subito, ci battiamo per ottenere la cessazione di qualsiasi pratica pseudo-scientifica che preveda l’utilizzazione di animali; la concessione di contributi statali esclusivamente ai circhi che non sfruttino animali e l’intervento delle singole amministrazioni comunali per impedire la sosta di questi carrozzoni della sofferenza nei loro comuni; il ritorno alla concezione della città-giardino nei piani urbanistici, un’educazione alla natura che cominci già alle scuole elementari e medie inferiori’’.

‘’L’avevamo conosciuta per i blitz messi a segno da nord a sud contro la vivisezione e i circhi, ora La Foresta che avanza diventa una realtà strutturata in tutta Italia – sottolinea il presidente di CasaPound Italia Gianluca Iannone – La nostra è una battaglia ideale, che però si sostanzierà in azioni puntuali e nella ricerca di risultati concreti. Forte delle esperienze di lotta precedentemente acquisite in altri ambiti e distante per costituzione dai soliti parolai ‘peace and love’, la Foresta che avanza userà come metro di valutazione la battaglia indefessa e costante, affinché ai manifesti e alle parole seguano i fatti’’.

Alle 14 andrà in onda uno speciale di approfondimento su www.radiobandieranera.org





CasaPound Italia: oggi la Festa del Tesseramento

15 01 2011

Questo pomeriggio, presso la sede lucchese di CasaPound Italia in via Michele Rosi 63, si terrà la Festa del Tesseramento 2011.

Un appuntamento organizzato in tutte le sedi d’Italia per ricordare come per l’associazione, che per scelta non è un partito che vive di finanziamenti pubblici o una fondazione milionaria di parrucconi, il tesseramento assume un valore speciale perché, insieme al 5 per mille, rappresenta l’unica forza di sostentamento che consente di realizzare le innumerevoli attività portate avanti giorno dopo giorno in tutta Italia: dai servizi al cittadino, come il Caf e lo sportello sociale, ai corsi di musica, di sport e di lingua a prezzi popolari, dall’impegno sul fronte della solidarietà, con i progetti per la Birmania e il Kosovo, all’attività più strettamente politica, tutta incentrata sul sociale, e culturale, con le centinaia di conferenze, concerti, mostre realizzate dal Nord al Sud del Paese.

Tesserarsi e far tesserare in CPI significa essere parte integrante di una sfida, di una riconquista, di un’avventura, e soprattutto di una comunità che giorno dopo giorno si fortifica, combatte e si afferma in tutta Italia.

L’appuntamento per questo pomeriggio è dalle 18 alle 21, in via Michele Rosi 63.





Festa del tesseramento

14 01 2011

Sabato 15 gennaio si terrà in tutte le città d’Italia
la festa del tesseramento di CasaPound Italia.

Per noi che per scelta non siamo un partito che vive di finanziamenti pubblici o una fondazione milionaria di parrucconi, il tesseramento assume un valore speciale perché, insieme al 5 per mille, rappresenta l’unica forza di sostentamento che ci consente di realizzare le innumerevoli attività portate avanti giorno dopo giorno in t…utta Italia: dai servizi al cittadino, come il Caf e lo sportello sociale, ai corsi di musica, di sport e di lingua a prezzi popolari, dall’impegno sul fronte della solidarietà, con i progetti per la Birmania e il Kosovo, all’attività più strettamente politica, tutta incentrata sul sociale, e
culturale, con le centinaia di conferenze, concerti, mostre realizzate dal
Nord al Sud del Paese.

Tesserarsi e far tesserare nella tartaruga frecciata significa essere parte
integrante di una sfida, di una riconquista, di un’avventura, e soprattutto
di una comunità che giorno dopo giorno si fortifica, combatte e si afferma
in tutta Italia.

Dalle 18 alle 21, presso la sede di CPI Lucca, Festa del Tesseramento con musica e aperitivo.

Rendi forti i vecchi sogni, sostieni CasaPound Italia!





Camerata Corto Maltese

11 01 2011





Roma: Blocco Studentesco, dopo insulti su Acca Larenzia chiediamo dimissioni presidente Cps

10 01 2011

Zappalà, inaccettabile che esponenti dell’Uds inneggino a una strage su facebook

Roma, 10 gen. – “Le esternazioni fatte dal vicepresidente della Consulta Provinciale degli Studenti Federico Trombettoni rappresentano un insulto inaccettabile alla memoria dei tre militanti dell’Msi uccisi nella strage di Acca Larenzia 33 anni fa”. E’ questa l’accusa che il consigliere del Blocco Studentesco alla Cps di Roma, Federico Zappalà, rivolge al vice presidente della consulta Trombettoni e al presidente Andrea Capalti, entrambi esponenti dell’Unione degli Studenti.

“Sul proprio profilo Facebook Trombettoni ha avuto la brillante idea di scrivere ’10, 100, 1000 Acca Larenzia’  – spiega Zappalà – e il presidente Capalti anziché prendere le distanze ha pensato bene di sottoscrivere la frase ingiuriosa del collega con un bel ‘mi piace'”.

“Un comportamento, quello tenuto da chi dovrebbe rappresentare gli studenti di Roma e Provincia, che può avere un solo epilogo: le dimissioni di Trombettoni e Capalti”, conclude Zappalà.