CasaPound Italia riparte a pieno ritmo: proposte per la città e nuovi orari di apertura della sede

28 09 2010

Lucca, 23 settembre – CasaPound Italia riparte. Finita la pausa estiva l’associazione riprende la propria attività anche a Lucca, presentando le proprie proposte per la nuova stagione culturale e politica.

“L’attenzione per il territorio sarà come sempre al primo posto – dichiarano i responsabili dell’associazione – e a breve daremo sviluppo alle iniziative in cantiere: uscirà la seconda edizione, aggiornata, di “Lucca abbandonata Lucca ritrovata”, il libro che raccoglie dati e immagini di decine di edifici lucchesi abbandonati, in recupero e recuperati. La relativa mostra fotografico-documentaria verrà poi riproposta in nuove sedi e contesti e con nuove collaborazioni, per affermarsi come osservatorio sullo stato degli spazi a Lucca. Nella stessa ottica di osservazione, verrà varato un corso fotografico gratuito che si svilupperà poi attraverso esposizioni delle fotografie dei partecipanti, che abbiano Lucca come oggetto, sotto diversi punti di vista”.

“Passando all’aspetto più propriamente politico – prosegue CasaPound Italia – sarà nostro interesse creare i presupposti per una seria discussione intorno al tema della differenza tra Destra e Sinistra oggi, cercando occasioni di confronto finora disattese. Cercheremo inoltre di sviluppare proposte concrete per rendere più vivibile la città, che ha nei suoi ‘spazi’ inutilizzati una vera e propria potenzialità non sfruttata e resterà costante l’attenzione per la casa, per dar seguito alla presentazione della proposta di legge “Mutuo Sociale”, sviluppando progetti concreti grazie anche al favore che la proposta ha incontrato. Sullo sfondo, infine, emerge e avanza sempre più l’anniversario dell’Unità d’Italia. Un evento che una compagine come CasaPound Italia saprà celebrare, anche a Lucca, nel modo che merita”

“Con la nuova stagione anche la nostra sede, l’epsilon di via Michele Rosi 63 – conclude CasaPound Italia – cambierà il proprio orario di apertura fissa: tutti i martedì e i giovedì pomeriggio dalle 19 alle 20, il lunedì sera alle 22 e il sabato pomeriggio. Per informazioni e contatti: casapoundlucca@yahoo.it ; 3493808139”.





No vivisezione!

23 09 2010





Vivisezione: no a sperimentazione animale come prassi medico-scientifica

23 09 2010

”Puntare su metodologie e tecnologie alternative di ricerca”

Roma, 21 settembre – No alla sperimentazione animale come prassi medico-scientifica, sì a metodologie e tecnologie alternative di ricerca come sistemi molecolari, test clinici epidemiologici e in vitro, simulazioni al computer e chip genetici. A sostenerlo è CasaPound Italia che si schiera contro la direttiva sulla vivisezione approvata l’8 settembre scorso dal Parlamento Europeo.

”Anzitutto – spiega Cpi – è necessario premettere che la nuova norma, seppur presentata come uno strumento teso alla riduzione e limitazione degli esperimenti sugli animali, permetterà, invece, di aggirare i limiti posti dalle precedenti normative. Uno degli effetti immediati è il peggioramento delle condizioni degli animali cosiddetti ‘da laboratorio’: sarà così possibile utilizzare più volte lo stesso animale anche in procedure che causano intenso dolore, sofferenza e angoscia; sperimentare su cani e gatti nonché su animali selvatici, anche in via d’estinzione; eseguire toracotomie ed altre operazioni senza anestesia o analgesici; costringere animali a test di stress psicologico e fisico come isolamento e nuoto forzato; effettuare interventi invasivi a scopi didattici. La nuova normativa negherà, inoltre, qualsiasi possibilità di sviluppo e sostegno alla ricerca e sperimentazione alternativa, limitando anche tutte quelle metodologie già esistenti e di comprovata efficacia”.

”La ricerca – sottolinea Cpi – non è uno strumento di mero profitto, ad esclusivo appannaggio delle oligarchie accademiche e dell’industria farmaceutica, cosmetica e petrolchimica. CasaPound Italia sostiene un antivivisezionismo di tipo scientifico. La medicina deve essere realmente tesa alla salute e al benessere dell’uomo, nel rispetto della dignità di ogni essere vivente. In questa direzione, è giusto promuovere tutte quelle metodologie e tecnologie alternative di ricerca come sistemi molecolari, test clinici epidemiologici e in vitro, simulazioni al computer e chip genetici. CasaPound Italia presenterà, nel corso dei prossimi mesi, una serie di iniziative sul territorio volte alla sensibilizzazione e all’informazione sull’argomento”.

http://www.casapounditalia.org

casapoundlucca@yahoo.it
http://www.epsilonlucca.wordpress.com





Que Viva Mexico!

20 09 2010





CasaPound Italia ‘fa i conti’ nella tre giorni ad Area19: superati i duemila iscritti, un terzo sono studenti

14 09 2010

Roma, 13 settembre – Duemiladuecento iscritti tra aderenti, militanti
e websupporter. Cinque città che per la prima volta hanno fatto
tesserati, tre al nord (Trento, Brescia e Cuneo), due al sud (Caserta
e Crotone). Quattordici sezioni in 10 regioni, a cui si aggiungono 4
occupazioni a scopo abitativo (Roma, Latina, Colleverde, Lamezia
Terme) e 4 occupazioni non conformi (Roma). Trentadue tra pub,
librerie e altri spazi di aggregazione distribuiti in tredici regioni.
Sette gruppi sportivi, di cui quattro costituiti nell’ultimo anno, la
nascita di un nucleo di Protezione civile. E’ una realtà in movimento
quella di CasaPound Italia, l’associazione di promozione sociale
fondata nel giugno 2008 che da venerdì 10 a domenica 12 si è riunita
ad Area 19 per fare il punto su questi due anni di impegno e sulle
sfide da affrontare nel 2011. Dibattiti, mostre e concerti hanno fatto
da sfondo alla tre giorni nazionale organizzata come di consueto nella
‘postazione nemica’ di via Monti della Farnesina a Roma, un’ex
stazione costruita per Italia 90 e rimasta in funzione per meno di 15
giorni che dal 2008 è diventata un’occupazione non conforme di Cpi.

Secondo i dati del 2010, il Lazio resta la regione con più tesserati,
seguito, nell’ordine, da Piemonte, Lombardia, Marche, Abruzzo,
Liguria, Veneto, Toscana, Puglia, Emilia Romagna, Umbria, Campania,
Trentino Alto Adige, Sicilia, Friuli Venezia Giulia, Calabria,
Sardegna, Basilicata e Valle d’Aosta. Tra gli ‘aderenti’, il 31% sono
studenti, il 15% ha meno di 20 anni; il 39% ha tra i 20 e i 29 anni;
il 21% tra i 30 e i 39; l’11% tra i 40 e i 49; il 9% tra i 50 e i 59;
il 3% tra i 60 e i 69; il 2% tra i 70 e gli 80. Tra i militanti. il
38% è rappresentato da studenti; il 15% ha meno di 20 anni; il 53% ha
tra i 20 e i 29 anni; il 23% tra i 30 e i 39; il 6% tra i 40 e i 49;
il 2% tra i 50 e i 59; l’1% tra i 60 e i 70 e gli 80.

”Nel 2009 l’azione di CasaPound Italia si è mossa lungo due binari
paralleli – spiega Gianluca Iannone, presidente di Cpi – Da un lato le
azioni ‘choc’ per risvegliare le coscienze, dall’altro l’impegno
costante finalizzato alla costruzione di strutture autonome, aperte a
tutti e che operino in tutti i campi della società sulla base di
principi differenti da quelli che normalmente regolano il mercato. Tra
le azioni coordinate messe a segno in contemporanea in tutto il Paese
non possiamo non ricordare quella del febbraio 2010, quando, nel pieno
della crisi Fiat, CasaPound ha simbolicamente ‘apposto i sigilli’ a un
centinaio tra concessionarie e stabilimenti del gruppo in tutta Italia
occupando pacificamente a Roma una delle più grandi concessionarie
della città’. Ma anche i Babbo Natale assassinati dalle banche del
dicembre 2009: fantocci di Babbo Natale, al centro di una finta scena
del crimine, con tanto di nastro segnaletico e sagoma disegnata a
terra col gesso sono stati fatti trovare in una quarantina di città
italiane: affitti, caro vita, flessibilità, mutui, pensioni povere,
precariato, sono queste le ‘armi del delitto’ con cui il sistema
politico-bancario ‘uccide’ il popolo italiano”.

Sul secondo fronte, invece, Iannone ricorda la costituzione di quattro
nuovi gruppi sportivi, ”associazioni ramificate su tutto il
territorio nazionale con l’obiettivo di fare aggregazione ma anche di
rendere accessibili alcune discipline normalmente molto costose: il
gruppo escursionistico montano La Muvra, il gruppo di paracadutismo
Istinto rapace, il gruppo sub Diavoli di Mare e il motoclub Scuderie
7punto1, che si aggiungono alla squadra di pallanuoto ‘Black sharks’
capitolini, quest’anno promossa in serie C, al ‘Wild’ hockey di
Bolzano, alla scuola calcio di Lecce, alla A.S. Boxe Trastevere. Forte
dell’esperienza fatta in Abruzzo in occasione del terremoto del 6
aprile 2009 poi – prosegue il presidente di CasaPound Italia – Cpi
quest’anno ha avviato la costituzione di un gruppo di protezione
civile, con nuclei locali al momento nel Lazio e in Campania, e di un
gruppo di pronto intervento sanitario, il Grimes. In alcune realtà,
come Roma, è in fase di avviamento il Caf, lo sportello di assistenza
fiscale, mentre il Progetto Braccia Tese a sostegno dei disabili e
delle loro famiglie nato all’Asso di bastoni di Torino si è
‘duplicato’ a Frosinone, dove è stato aperto uno sportello per il
cittadino. Nel campo della musica l’impegno di CasaPound per offrire a
tutti la possibilità di imparare uno strumento a un costo sostenibile
ha portato alla nascita, nel febbraio 2010, della ‘Bunker Noise
Academy’, la scuola di musica di Cpi, che si aggiunge alla sala prove
Bunkernoise e al Bunkernoise Service”.

”Se va avanti l’impegno per il mutuo sociale e per affermare il
diritto di tutti i cittadini italiani alla proprietà della casa, Tempo
di essere madri,  la proposta di legge per il part time a stipendio
pieno per le madri o i padri con figli da 0 a 6 anni, ha visto il 21
marzo scorso 200 persone correre alla Maratona di Roma con la
maglietta ‘Corro perché non ho tempo’ – dice ancora Iannone – e i
‘Black Sharks’, promotori dell’iniziativa, essere premiati come
associazione sportiva con il maggior numero di partecipanti e ‘più
solidale’. Ma il 2010 è stato soprattutto l’anno del Blocco
studentesco, che è diventato primo movimento studentesco a Roma (28%
delle preferenze) portando a casa, alle elezioni per le Consulte
provinciali degli studenti, quattro presidenti e un vicepresidente ed
eleggendo consiglieri in dieci regioni. Quest’anno è stata anche la
prima volta del Blocco alle elezioni universitarie: l’organizzazione
studentesca di Cpi ha preso circa 4mila voti (1.500 solo a Roma),
nonostante l’esclusione della lista nella circoscrizione Nord Est. Un
risultato che dimostra come qualcosa in Italia stia cambiando, e che è
avvalorato da un grande traguardo raggiunto nelle elezioni che si sono
tenute in alcune università per il rinnovo degli organi collegiali: a
Tor Vergata il Blocco ha eletto un senatore accademico, Noah Mancini,
e numerosi consiglieri, ben 15 tra consigli di facoltà e consiglio
degli studenti, mentre a Roma Tre, altra storica roccaforte della
sinistra, sono stati eletti tre consiglieri di facoltà (in tre facoltà
diverse) e uno al consiglio degli studenti. Un risultato – conclude il
presidente di CasaPound Italia – che ci dice che la nostra sfida alle
stelle è appena cominciata”.





7punto1 Toscana

14 09 2010





Nasce la sezione toscana delle “Scuderie 7Punto1”, il Motoclub di CasaPound Italia

14 09 2010

E’ nata la sezione toscana delle Scuderie 7Punto1.

Le “Scuderie 7Punto1” sono il motoclub di CasaPound Italia e sono l’associazione sportiva dilettantistica che ha lo scopo di riunire tutti gli appassionati di due ruote con due ben precise finalità: promuovere il turismo su due ruote diventando un luogo di aggregazione per tutti coloro che vogliano ritrovarsi e viaggiare in compagnia per le strade d’Italia ma, al tempo stesso, diventare anche la voce degli amanti della moto svolgendo un’azione sociale nei confronti delle istituzioni in materia di sicurezza delle strade. Ha lo scopo, cioè, di diventare un interlocutore per tutti gli organi preposti alla sicurezza e di sensibilizzare i motociclisti in materia di sicurezza attiva e passiva.

L’adesione è aperta a tutti: motociclisti, scooteristi e semplici simpatizzanti delle due ruote che, magari, un giorno o l’altro decideranno di aggregarsi anche loro al nostro gruppo prendendo la splendida decisione di saltare in sella a qualche bolide.

Naturalmente non è necessaria l’adesione a CasaPound Italia per far parte dell’associazione nella quale è il benvenuto chiunque condivida la passione per i motori e l’attenzione alla sicurezza stradale.

La sede della sezione toscana delle “Scuderie 7Punto1” si trova a Firenze in via Lorenzo il Magnifico n. 59 presso la sede di CasaPound Italia Firenze.

Vi attendiamo numerosi, rumorosi e pronti a divertirvi.

Per contatti su Lucca:

casapoundlucca@yahoo.it
3493808139

http://www.7punto1.org