1° Maggio: Buccellata!

29 04 2010





“Bastardi fascisti”: ignoti vandali deturpano con scritte spray la sede di “CasaPound”

26 04 2010

LUCCA, 26 aprile“Bastardi fascisti”. Scritte con la bomboletta e seri danni all’intera facciata del palazzo che ospita la sede dell’associazione ‘epsilon’ e CasaPound Italia. L’episodio di vandalismo è avvenuto intorno alle 23 di ieri, in via dei Borghi. E mentre le vittime dell’aggressione annunciano che già domani si “armeranno” di secchi e pennelli per ripulire il palazzo dalle scritte spray, arriva il comunicato ufficiale:

“E’ il secondo caso di danni alla nostra sede in soli 4 mesi. E il giorno non è casuale, visto che nel pomeriggio del 25 aprile i vari concerti richiamano sempre un certo tipo di persone; purtroppo questa festa fa sempre più da paravento per chi vuole a tutti i costi rinverdire un clima da guerra civile”, dichiara Fabio Barsanti, coordinatore regionale di CasaPound Italia Toscana e presidente di ‘epsilon’.

“Il clima in Toscana si sta facendo pesante – aggiunge Barsanti – e a questo punto non si tratta più di episodi secondari, ma di un vero e proprio obiettivo: impedire di parlare alle formazioni giovanili non di sinistra. E’ notizia di ieri il rinvenimento di 20 litri di benzina sotto la sede della formazione giovanile del Pdl a Firenze, mentre la scorsa settimana, ancora a Firenze, un responsabile universitario di centrodestra è stato mandato all’ospedale per un semplice volantinaggio in università. In tutta Italia CasaPound è oggetto di aggressioni, che trovano la loro legittimità nella volontà di censura che partiti istituzionali stanno portando avanti nei nostri confronti”.

“Anche a Lucca evidentemente non vi sono argomenti per un serio confronto: di fronte ad iniziative nostre come la mostra sugli edifici abbandonati e la conferenza sull’emergenza abitativa che faremo a maggio, le uniche risposte sembrano essere la diffamazione sui mensili distribuiti mensilmente da certe associazioni di livello nazionale e gli atti di vandalismo. Questa volta però si è superato il segno – conclude Barsanti – colpendo l’intera palazzina, coinvolgendo dunque anche i nostri coinquilini che subito ci hanno dimostrato la propria solidarietà e provocando seri danni alla pietra serena del palazzo. Pretendiamo che le istituzioni e i partiti lucchesi condannino fermamente il gesto nei nostri confronti, altrimenti potremmo pensare che vi sia una pericolosa tolleranza a senso unico verso questi gesti”.

Questo invece il commento di Gianluca Iannone, presidente di CasaPound Italia: ”Ancora un atto vandalico nei confronti di CasaPound Italia. Questa volta è toccato a Lucca, dove la facciata del palazzo che ospita la sede della nostra associazione è stata deturpata per la seconda volta in quattro mesi dai soliti noti. Nell’ultimo anno abbiamo calcolato una media di un attacco ogni dieci giorni tra atti vandalici, tentativi di intimidazione e aggressioni fisiche, il più delle volte travestite da scontri di piazza, grazie al silenzio complice delle istituzioni e dei media. Ci chiediamo – prosegue Iannone – quanto durerà ancora questo silenzio, ora che la sinistra antagonista, forte della propria impunità, ha cominciato ad alzare il tiro e a colpire anche chi, incurante della realtà dei fatti, l’ha sempre difesa, dimostrandosi pronto ad accogliere acriticamente come verità ogni sua farneticante asserzione. E’ successo ieri a Roma, dove, nel nome dell’antifascismo militante, sono stati aggrediti il neogovernatore del Lazio Renata Polverini, del Pdl, e lo stesso presidente Pd della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti, che aveva tentato di difenderla. Questo vogliamo ricordare a chi, come il Pd e l’Anpi, in questi giorni si sta mobilitando per impedire il corteo del Blocco studentesco in programma il 7 maggio a Roma. Ed è proprio per questo – conclude il leader di Cpi – che chiediamo ai vari politici che in questi giorni si sono messi allegramente a soffiare sul fuoco della guerra civile, come il senatore dell’Idv Stefano Pedica e il capogruppo del Pd in Campidoglio Umberto Marroni, di trovare il buon senso e la maturità per capire da che parte stanno i violenti e di condannare definitivamente questi atti vandalici e vigliacchi prendendo le distanze, una volta per tutte, da chi usa la diffamazione e la violenza come prassi politica”.

http://www.loschermo.it

 





La foto del 25 aprile

26 04 2010





Imbrattata la sede di CasaPound Italia. Danni ingenti all’intero palazzo

26 04 2010

Lucca, 26 aprile – Scritte con la bomboletta e seri danni all’intera facciata del palazzo che ospita la sede dell’associazione ‘epsilon’ e CasaPound Italia a Lucca. L’episodio è avvenuto intorno alle 23:00i domenica 25 aprile.

“E’ il secondo caso di danni alla nostra sede in soli 4 mesi. E il giorno non è casuale, visto che nel pomeriggio del 25 aprile i vari concerti richiamano sempre un certo tipo di persone; purtroppo questa festa fa sempre più da paravento per chi vuole a tutti i costi rinverdire un clima da guerra civile”. Lo afferma Fabio Barsanti, coordinatore regionale di CasaPound Italia Toscana e presidente di ‘epsilon’.

“Il clima in Toscana si sta facendo pesante – aggiunge Barsanti – e a questo punto non si tratta più di episodi secondari, ma di un vero e proprio obiettivo: impedire di parlare alle formazioni giovanili non di sinistra. E’ notizia di ieri il rinvenimento di 20 litri di benzina sotto la sede della formazione giovanile del Pdl a Firenze, mentre la scorsa settimana, ancora a Firenze, un responsabile universitario di centrodestra è stato mandato all’ospedale per un semplice volantinaggio in università. In tutta Italia CasaPound è oggetto di aggressioni, che trovano la loro legittimità nella volontà di censura che partiti istituzionali stanno portando avanti nei nostri confronti”.

“Anche a Lucca evidentemente non vi sono argomenti per un serio confronto: di fronte ad iniziative nostre come la mostra sugli edifici abbandonati e la conferenza sull’emergenza abitativa che faremo a maggio, le uniche risposte sembrano essere la diffamazione sui mensili distribuiti mensilmente da certe associazioni di livello nazionale e gli atti di vandalismo. Questa volta però si è superato il segno – conclude Barsanti – colpendo l’intera palazzina, coinvolgendo dunque anche i nostri coinquilini che subito ci hanno dimostrato la propria solidarietà e provocando seri danni alla pietra serena del palazzo. Pretendiamo che le istituzioni e i partiti lucchesi condannino fermamente il gesto nei nostri confronti, altrimenti potremmo pensare che vi sia una pericolosa tolleranza a senso unico verso questi gesti”.





Manifestazione Nazionale!

22 04 2010





Uova di Pasqua per sostenere la Comunità Solidarista Popoli

1 04 2010

Le puoi trovare all’epsilon, Via Michele Rosi 63.
prezzo 5 euro.

i proventi andranno a finanziare la Comunità Popoli ONLUS, attiva in Birmania nel sostenere la resistenza del popolo Karen contro il regime militare birmano.

http://www.comunitapopoli.org

per info:

casapoundlucca@yahoo.it
epsilonlucca@gmail.com